La telematizzazione dei registri vinicoli, quali i vantaggi per il mercato?

Mercoledì, 13 Luglio 2016 08:06 Scritto da

Dal 1° gennaio del 2017, la telematizzazione dei registri vinicoli diventerà obbligatoria per tutti i grandi produttori di vino. Avviato già a partire dallo scorso anno in fase sperimentale per alcune cantine, questo nuovo mezzo di registrazione delle attività dei produttori dovrà entrare a regime entro la fine del 2016. I produttori di vino dovranno quindi adeguarsi alla nuova normativa che prevede che tutte le attività di cantina dovranno essere trasmesse al SIAN, il "Sistema Informativo Agricolo Nazionale", in via telematica. Niente più registri cartacei, quindi, con conseguente sveltimento di una serie di pratiche e, soprattutto, con una serie di vantaggi per il mercato vitivinicolo.


I vantaggi apportati da questo ammodernamento sono diversi, alcuni immediati, come la possibilità di effettuare consultazioni a distanza. Ma non solo: i produttori potranno evitare di vidimare preventivamente tutti i registri cartacei, come richiesto dalla vecchia normativa, visto che tutto avverrà in via telematica. Inoltre, non sarà più necessario produrre stampe periodiche e, soprattutto, si potrà registrare una riduzione delle spese connesse a tutte le attività relative alla gestione dei registri cartacei.
La dematerializzazione dei registri vinicoli porterà una serie di vantaggi anche agli organi di controllo e, di riflesso, agli utenti dei vini. La presenza dei registri telematici, infatti, garantirà una più rapida verifica di tutte le caratteristiche dei produttori e dei vini, visto che non si renderà più necessario andare in azienda per controllare le informazioni e i dati riportati sui registri stessi, ma si potranno effettuare controlli online.

A seconda delle dimensioni della produzione, poi, possono essere previste delle semplificazioni nella compilazione dei registri telematici, che richiedono tante più informazioni quanto maggiore è la produzione vinicola annua.
L'attivazione della telematizzazione dei registri vinicoli porterà all'eliminazione di oltre 60mila registri cartacei, con conseguente vantaggio non solo per la velocizzazione delle pratiche, ma anche dell'archiviazione.
Va tuttavia sottolineato che alcuni particolari produttori sono esonerati dall'uso del registro telematico. In particolare, potranno continuare ad utilizzare il cartaceo i piccolissimi produttori, con capacità inferiore ai 50 ettolitri annui, nonché altri piccoli operatori del vino.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Dematerializzazione registri vitivinicoli: prezzi software
Dematerializzazione Registri Vitivinicoli: programma affiliati
Richiedi GRATIS gli accessi per testare il software
Prova ENODOC™ direttamente dal tuo ufficio, ti invieremo utente e password per accedere al sistema.
035.83.86.14
Per assistenza telefonica pre e post vendita:
Dal lunedì al venerdì
Dalle 8.30 alle 12.30 dalle 14.00 alle 18.30

Sede Operativa: Via Largo Europa, 4D
24064 - Chiuduno - Bergamo

ENODOCT
IN4TEK SRL - Via D. Luigi Belotti, 6 - 24064 - Grumello del monte - Bergamo
P.IVA & C.F. 04068640160 - REA N.432408 - Reg. Imp. Bergamo - CAP. SOC. € 12.000,00
Termini e condizioni - Privacy - Credits